• ilGustoelaSalute Lucrezia

ADOTTA UN ULIVO PER SALVARE IL SALENTO - Io ho adottato il mio ulivo e tu?



Ciao a tutti,

ieri mattina appena prima di mettermi a lavorare ho fatto una carrellata veloce sui miei canali social, quando nella sezione “suggeriti per te” ho notato una scritta che ha catturato la mia attenzione, immediatamente:


“ADOTTA UN ULIVO”.


Nell’istante in cui ho incrociato queste parole, davanti ai miei oggi ho visto scorrere gli ettari di campagne del Salento che, lo scorso anno, dall’entro terra percorrevo fino a raggiungere il Mare. Ogni giorno partivo da Oria ed in macchina attraversavo appezzamenti meravigliosi di campagna per poter raggiungere S. Pietro in Bevagna.


Ricordo ogni attimo di quei tragitti;

Ricordo ogni cosa;

Ricordo tutto, come fosse ieri.


Ero Felice di trovarmi lì per tanti, tantissimi motivi eppure, ancora oggi, non riesco a dimenticare quella sensazione di tristezza che sentivo dentro di me, tra il cuore e lo stomaco quando, attraverso il finestrino della macchina, vedevo scorrere accanto a me centinaia di ulivi secchi, che affondavano le loro inermi radici in quella straordinaria Terra rossa. Una sensazione che cercavo di alleviare con dei sospiri, ma quei sospiri non bastavano quando mi rendevo conto di questo ripetevo a me stessa: “Dobbiamo fare qualcosa per salvarvi, al più presto!”.


Queste parole dentro di me hanno assunto, un giorno dopo l’altro, una forma precisa e determinata, quella di un DESIDERIO.

Un desiderio che, però, non sapevo come far avverare. Un qualcosa che, dallo scorso agosto, è rimasta sospesa dentro di me, in attesa di una “risposa”.


Ecco io credo che, ieri, 16 giugno 2022 questo mio desiderio ha finalmente avuto modo di avverarsi grazie all’associazione Olivami, perché in questa giornata ho adottato il mio Ulivo!

Certo adottare un solo ulivo non risolverà immediatamente il problema ma:


Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.

Madre Teresa di Calcutta.


Un altro piccolo gesto che posso fare per promuovere e dare maggiore energia alla rinascita degli Ulivi ed alla Terra del Salento, è quello di diffondere l’emozionante progetto di questa Associazione: Un meraviglioso disegno che ha lo scopo di ricostruire un ecosistema importantissimo per l’Ambiente, per la Terra, per la Vita e per l’economia degli agricoltori.


Qui di seguito copio ed incollo dal sito www.olivami.com delle informazioni che spiegano perché nasce questo progetto e qual è il suo scopo:




Negli ultimi 5 anni, oltre 21 milioni di Ulivi Salentini sono scomparsi, distrutti dalla Xylella.

Il Salento, da sempre terra di olivo, si è trovato ad assistere ad uno scenario drammatico, costretto ad eradicare ulivi secolari e non, che rappresentavano la più viva tradizione di famiglia.


A causa della Xylella, oltre 5.000 olivicoltori hanno perso tutto: campi, lavoro e tradizioni. Ha avuto un impatto psicologicamente devastante soprattutto su quelle famiglie che avevano come unica forma di sostentamento i campi di olivo.

Tutto questo si è tradotto in una riduzione di olio Salentino dell’80%, portando ad una decrescita della produzione nazionale del 50%. Da 5 anni ormai, la produzione nazionale di olio non è in grado di soddisfare la domanda, e l’Italia da grande paese produttore è divenuto un paese importatore di olio di oliva.


Negli ultimi 5 anni il tasso di inquinamento è aumentato dell’8%. Forse non lo sai, ma l’ulivo è una delle piante con la maggiore capacità sottrattiva di CO2 dall’atmosfera: ogni ettaro di Ulivo sottrae all’atmosfera 9,5 tonnellate di CO2 ogni anno. Vale a dire circa 730 Kg di CO2 all’anno per ogni albero di ulivo.


Riforestare le campagne del Salento: Lo scopo dell’Associazione “Olivami”:

La nostra associazione nasce con un unico scopo: riforestare le campagne del Salento distrutte dalla Xylella. Attraverso questo obiettivo intendiamo restituire lavoro, storia e tradizioni agli agricoltori, ritornare ad offrire il nostro ricercato Olio Extra Vergine di Oliva e contribuire ad abbattere l’inquinamento.

Sappiamo bene che da soli non possiamo farcela, ecco perché chiediamo l’aiuto di tutti. Tutti i fondi raccolti tramite le adozioni verranno devoluti a favore di realtà agricole che ripianteranno nuovi ulivi (resistenti al batterio Xylella) e condurranno quelli già esistenti cercando, dove possibile, di recuperare gli ulivi già malati.


Supportare la rinascita degli Ulivi, ecco l’obiettivo dell’Associazione “Olivami”:

https://www.olivami.com/chi-siamo/


Adotta un ulivo Salentino:

https://www.olivami.com/adozione/


Spero di aver contribuito a mio modo alla diffusione di questo progetto “magico”, se puoi, diffondi anche tu queste informazioni. Insieme possiamo contribuire a salvare un pezzo importante del nostro prezioso pianeta, un pezzo importante di storia, un pezzo importante di vita.



Lucrezia di Lernia

Naturopata specializzata in Terapia Alimentare, Fitocomplementi.

Esperta di cucito terapia.

il Gusto e la Salute.

46 visualizzazioni
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square