top of page
  • ilGustoelaSalute Lucrezia

QUELLA PARTE DI TE CHE HA UN DISPERATO BISOGNO DI ESSERE AMATA - un pensiero soffiato nel mondo.


Nerviano, 19 Novembre 2023 h.18:45


Ho deciso che, se mai la vita mi concederà l’onore di diventare madre, farò di tutto per insegnare ai miei figli la capacità di riconoscere immediatamente l’amore tossico.

È vero che non è facile riconoscere subito una persona con disturbi di personalità anche perché, questi individui, sono bravissimi a mascherarsi da angeli. L’uomo o la donna che hai sempre sognato!

E’ altrettanto vero, però, che dopo poco, in genere circa 3 - 6 mesi, la maschera cade. Si inizia a sentire che “qualcosa non va”, la persona che sta al proprio fianco, infatti, inizia a trasformarsi, poco per volta, in un aguzzino e lo fa alternando momenti di profonda dolcezza, dove lo stesso mostra le sue fragilità con pianti e richieste di aiuto a momenti di buio, vuoto, svalutazione e aggressività. Ed è proprio questo atteggiamento che porta a vivere una pericolosissima altalena emotiva che, se protratta nel tempo, può portare a sviluppare una dipendenza emotiva dal proprio aguzzino che, certamente, distruggerà la vita della vittima, colpendola nella parte più sensibile e fragile di se stessa.

Trasformando, così la vittima in un “cristallo”, una persona ormai priva della sua parte più bella e che, per questo, decide di restare in quella relazione, senza alcuna ragione logica.

Così, sganciarsi da quella relazione diventa qualcosa di davvero molto, molto, molto difficile.

Ecco perché alle prime avvisaglie, quando si inizia a percepire che “qualcosa non va” bisogna SCAPPARE!

SUBITO!

PIÙ LONTANO POSSIBILE!

SENZA MA, SENZA SE!

Non bisogna MAI commettere l’errore di pensare di poter essere in grado di salvare qualcuno.

Se qualcuno vuole salvarsi, si salva al di là della persona che ha accanto!

In genere, quello che lega la vittima all’aguzzino, è l’idea di non poter vivere senza di lui o lei. Il più delle volte, è proprio questa la chiave del problema: un’autostima così bassa che porta a pensare che la propria felicità possa dipendere COMPLETAMENTE da un’altra persona.

Si innesca, poi, un meccanismo a specchio, per il quale la vittima dona tutto l’amore che desidera per sé all’aguzzino: “solo io capisco come ti senti per questo sarò io a salvarti!” - questo è, spesso, uno dei pensieri più pericolosi per la vittima.

Provate ad immaginare quanto possa essere emotivamente devastante per una persona che ha problemi di autostima rendersi conto che tutto quello che ha provato, vissuto, visto e sentito in realtà non è mai esistito!

Che era tutta una farsa!

Ritrovarsi in una situazione del genere è destabilizzante per chiunque, immaginate per una persona che ha affidato tutta la sua vita ad un’altro individuo che, si presenta come “LA VITA CHE HO SEMPRE DESIDERATO” e che poi si trasforma in MORTE (morte non solo fisica).

Per cui, come dicevo prima, quello che farò se mai la vita mi concederà la possibilità di diventare madre, è instillare nei miei figli amore per se stessi. Lavorando SULL’EDUCAZIONE EMOTIVA.

Cercherò con tutte le mie forze di insegnagli a perdonarsi e a piacersi per come sono.

Insegnerò loro a rispettare ogni persona che incontreranno nella loro vita imparando, però, a vedere davvero chi hanno di fronte.

Insegnerò loro a fidarsi del loro istinto e che quando sentiranno che “qualcosa non va” devono andarsene. SUBITO!

Questo non significa che non bisogna aiutare il prossimo, questo significa comprendere che di fronte a certe situazioni non si deve MAI avere la presunzione di pensare di poter aiutare qualcuno.

Perché certe persone non possono essere aiutate con l’Amore. Certe persone hanno bisogno di strutture che hanno strumenti validi per potersi curare!

Questa è la realtà.

È questo che cercherò di insegnare ai miei figli. Certo, non è detto che riuscirò nel mio intento ma ci proverò, perché io credo che sia questo l’Amore che può salvare il mondo.

Perché è dalla famiglia che parte tutto.

Perché è da bambini che si conoscono e si fanno propri gli schemi di amore che, poi, si riproporranno da adulti.


Questo è solo un mio pensiero che si è formato dalla mia esperienza di vita.

Non ho, quindi, la presunzione di fare nessun tipo di analisi psicologica a nessuno.

Ho però la presunzione, se così vogliamo chiamarla, di sperare che, se qualcuno si fosse imbattuto in queste mie parole e riconoscesse la sua relazione in quanto ho descritto, comprendesse che è giunto il momento di AGIRE.

Di dire “ADESSO BASTA”.

È giunto il momento di sforzarsi, lavorare e lottare per prendersi cura di quella parte di se’ che ha un disperato bisogno di essere amata.

Sarà dura, anzi durissima ma la Vita e l’Amore non potranno MAI essere quello che stai vivendo.


Lucrezia di Lernia

(Naturopata specializzata in Terapia Alimentare, Fitocomplementi.

Esperta di cucito terapia.)


il Gusto e la Salute.

38 visualizzazioni

Comments


Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page